Per informazioni sulla pubblicità su questo sito web: advertising@quellicheinvestono.com

Astaldi (2 bond in Eur, di cui 1 cv)

Guido

New member
Scusate qualcuno può spiegarmi.
Dopo una prima rapida lettura mi sembra che a pag. 29 ci sia un errore, spero non rilevante.
Se ricordo bene gli obbligazionisti del bond 2024 avevano approvato il concordato, qui si dice il contrario.
Premetto che non avendo competenze specifiche probabilmente non ho capito io.
Grazie.
 

accident

Well-known member
Lo faccio immediatamente e volentieri:

C'è qualche piccolo refuso di battitura, per tutto il resto a mio sommesso avviso è un ricorso INECCEPIBILE.
Se solo si immagina che in un mese ( quello di agosto) abbiano potuto leggere qualche migliaio di pagine e scriverne 50, sviscerando in maniera sintetica ma CHIRURGICA, tutti i più evidenti vizi di legittimità , senza sapere il numero esatto degli aderenti e se avessero o meno ricevuto l'incarico, io non posso altro che dire: Chapeau!

Bene prof. Fabiani, bene prof .D'Attorre
 

accident

Well-known member
Scusate qualcuno può spiegarmi.
Dopo una prima rapida lettura mi sembra che a pag. 29 ci sia un errore, spero non rilevante.
Se ricordo bene gli obbligazionisti del bond 2024 avevano approvato il concordato, qui si dice il contrario.
Premetto che non avendo competenze specifiche probabilmente non ho capito io.
Grazie.
L'errore c'è, è evidente che sia un refuso.
L'avverbio " MENTRE" rende evidente la differenza fra i due termini di paragone.
L'errore è del tutto irrilevante ed insignificante e non sposta i termini della questione come precisato nel ricorso circa la " titolarità individuale e soggettiva " del singolo obbligazionisti a proporre ricorso , ove anche appartenente a categoria di obbligazionisti la cui assemblea ha votato favorevolmente ( 😉) al concordato.
 

justfinance

Member
ma anche la conferma del possesso obbligazione da parte della banca viene trasmesso a tutti? Non basta per ora il verbale notarile dell’assemblea di Marzo da dove risulta il cognome / nome e il NO? Se mai Astaldi deve dimostrare che non hai diritto ...
Poi trovato un errore nel nome, bastava un copia e colla o meglio un foglio online dove ogni uno metteva le sue date e si prendeva la responsabilità ... é vero che si trova il ricorso già sul web a disposizione di tutti 😟?
 

Ivanuzzo

Well-known member
Astaldi: concordato finisce in Cassazione (Sole) 16/09/2020 08:55 - MF-DJ
ROMA (MF-DJ)--Sara'' l''ultimo tentativo disperato. Oppure la messa in pratica del proverbio "chi la dura la vince". O, piu'' prosaicamente, un modo come un altro per arrivare a una transazione e portare a casa qualcosa in piu''. Sta di fatto che gli obbligazionisti di Astaldi non lasciano la presa neppure dopo che il Tribunale di Roma ha omologato il concordato preventivo in continuita'' di Astaldi che loro ritengono -con molte argomentazioni- iniquo e per loro svantaggioso. Cosi'' ieri Aduc insieme a obbligazionisti che detengono bond per il valore nominale di 40 milioni assistiti dall''avvocato Massimo Fabiani, ha notificato ad Astaldi e ai commissari un ricorso in Cassazione per contestare proprio il concordato. Con questo ricorso, spiega Il Sole 24 ore, si possono contestare non i vizi i merito, bensi'' i soli vizi del provvedimento di omologa. Con il giudizio di omologazione il Tribunale e'' infatti tenuto a verificare la regolarita'' formale di tutti gli atti compiuti (i decreti del Giudice Delegato emessi nel corso della procedura, le operazioni di voto ecc.) e la loro conformita'' alla legge. E dato che secondo Aduc (ma anche secondo il Comitato Bondholder Astaldi) il concordato presenta molte carenze, e'' partito il ricorso. L''ultima parola alla Cassazione.
vs
 

Ivanuzzo

Well-known member
Ricorsi alla Suprema Corte di Cassazione ai sensi degli articoli 111 della Costituzione e 360 del Codice di Procedura Civile: i contenuti di tali documenti sono specificati di seguito nell’ambito del paragrafo relativo agli eventi successivi.


Alla luce di quanto sopra, gli amministratori della capogruppo hanno opportunamente richiesto e ottenuto le informazioni necessarie a valutare la ragionevolezza del verificarsi di tutte le circostanze di cui sopra che rappresentano delle rilevanti incertezze che possono far sorgere significativi dubbi sulla capacità del Gruppo di continuare ad operare sulla base del presupposto della continuità aziendale, ritenendo appropriato l’utilizzo del presupposto della continuità aziendale nella redazione del presente Relazione Finanziaria Semestrale .


In data 14 e 15 settembre 2020 sono stati notificati alla Società due distinti ricorsi per cassazione ai sensi dell’art. 111 della Costituzione e dell’art. 360 c.p.c. da parte di alcuni titolari di obbligazioni parte dei prestiti obbligazionari emessi dalla Società stessa, con i quali essi hanno chiesto che la Corte di Cassazione voglia cassare, con o senza rinvio, il decreto del Tribunale di Roma con il quale è stato omologato il concordato e disporne l’annullamento. La Società ritiene, anche sulla scorta delle considerazioni preliminari espresse dai propri legali, che i predetti ricorsi siano inammissibili ed infondati. Sono comunque in corso ulteriori approfondimenti. Astaldi sottolinea, inoltre, che la avvenuta proposizione dei ricorsi non produce effetti sull’esecuzione del concordato, poiché il decreto di omologazione del concordato è provvisoriamente esecutivo ai sensi dell’articolo 180, quinto comma, della Legge Fallimentare e le eventuali impugnazioni non hanno effetto sospensivo, né esimono la società proponente dal dare tempestiva esecuzione agli impegni nei confronti dei creditori. Si fa presente, infine, che gli obblighi assunti dall’investitore industriale Webuild S.p.a. (già Salini Impregilo S.p.a.) nell’offerta irrevocabile posta a sostegno del piano concordatario di Astaldi S.p.a. erano sospensivamente condizionati, tra l’altro, all’omologazione definitiva del concordato, condizione verificatasi, secondo quanto previsto dall’offerta irrevocabile medesima, con l’omologa del concordato senza opposizioni da parte del Tribunale di Roma. Pertanto, i suddetti ricorsi non impattano su tale condizione
 

Tony

Well-known member
Ricorsi alla Suprema Corte di Cassazione ai sensi degli articoli 111 della Costituzione e 360 del Codice di Procedura Civile: i contenuti di tali documenti sono specificati di seguito nell’ambito del paragrafo relativo agli eventi successivi.


Alla luce di quanto sopra, gli amministratori della capogruppo hanno opportunamente richiesto e ottenuto le informazioni necessarie a valutare la ragionevolezza del verificarsi di tutte le circostanze di cui sopra che rappresentano delle rilevanti incertezze che possono far sorgere significativi dubbi sulla capacità del Gruppo di continuare ad operare sulla base del presupposto della continuità aziendale, ritenendo appropriato l’utilizzo del presupposto della continuità aziendale nella redazione del presente Relazione Finanziaria Semestrale .


In data 14 e 15 settembre 2020 sono stati notificati alla Società due distinti ricorsi per cassazione ai sensi dell’art. 111 della Costituzione e dell’art. 360 c.p.c. da parte di alcuni titolari di obbligazioni parte dei prestiti obbligazionari emessi dalla Società stessa, con i quali essi hanno chiesto che la Corte di Cassazione voglia cassare, con o senza rinvio, il decreto del Tribunale di Roma con il quale è stato omologato il concordato e disporne l’annullamento. La Società ritiene, anche sulla scorta delle considerazioni preliminari espresse dai propri legali, che i predetti ricorsi siano inammissibili ed infondati. Sono comunque in corso ulteriori approfondimenti. Astaldi sottolinea, inoltre, che la avvenuta proposizione dei ricorsi non produce effetti sull’esecuzione del concordato, poiché il decreto di omologazione del concordato è provvisoriamente esecutivo ai sensi dell’articolo 180, quinto comma, della Legge Fallimentare e le eventuali impugnazioni non hanno effetto sospensivo, né esimono la società proponente dal dare tempestiva esecuzione agli impegni nei confronti dei creditori. Si fa presente, infine, che gli obblighi assunti dall’investitore industriale Webuild S.p.a. (già Salini Impregilo S.p.a.) nell’offerta irrevocabile posta a sostegno del piano concordatario di Astaldi S.p.a. erano sospensivamente condizionati, tra l’altro, all’omologazione definitiva del concordato, condizione verificatasi, secondo quanto previsto dall’offerta irrevocabile medesima, con l’omologa del concordato senza opposizioni da parte del Tribunale di Roma. Pertanto, i suddetti ricorsi non impattano su tale condizione
Mi sembra una reazione standard, tutto sommato.

PS: comunque, non hanno chiuso la porta a nulla. Avrebbero potuto dire: ricorso inammissibile, faremo valere le ns ragioni dinanzi alla Corte. Invece...

C'è dunque un altro ricorso promosso distintamente da obbligazionisti non facenti capo al gruppo D'orta, pare di capire.
 
Ultima modifica:

Ivanuzzo

Well-known member
Astaldi: ricorsi contro omologa concordato inammissibili e infondati MILANO (MF-DJ)


--Astaldi ha ricevuto ieri e l'altro ieri la notifica di "due distinti ricorsi per cassazione da parte di alcuni titolari di obbligazioni parte dei prestiti obbligazionari emessi dalla societa' stessa, con i quali essi hanno chiesto che la Corte di Cassazione voglia cassare, con o senza rinvio, il decreto del Tribunale di Roma con il quale e' stato omologato il concordato e disporne l'annullamento". La societa', spiega una nota, "ritiene, anche sulla scorta delle considerazioni preliminari espresse dai propri legali, che i predetti ricorsi siano inammissibili ed infondati. Sono comunque in corso ulteriori approfondimenti". Astaldi sottolinea, inoltre, che la avvenuta proposizione dei ricorsi "non produce effetti sull'esecuzione del concordato, poiche' il decreto di omologazione del concordato e' provvisoriamente esecutivo ai sensi dell'articolo 180, quinto comma, della Legge Fallimentare e le eventuali impugnazioni non hanno effetto sospensivo, ne' esimono la societa' proponente dal dare tempestiva esecuzione agli impegni nei confronti dei creditori". Nel comunicato Astaldi fa presente, infine, che "gli obblighi assunti dall'investitore industriale Webuild (gia' Salini Impregilo) nell'offerta irrevocabile posta a sostegno del piano concordatario di Astaldi erano sospensivamente condizionati, tra l'altro, all'omologazione definitiva del concordato, condizione verificatasi, secondo quanto previsto dall'offerta irrevocabile medesima, con l'omologa del concordato senza opposizioni da parte del Tribunale di Roma. Pertanto, i suddetti ricorsi non impattano su tale condizione". fch francesca.chiarano@mfdowjones.it (END) Dow Jones Newswires September 16, 2020 03:29 ET (07:29 GMT) Copyright (c) 2020 MF-Dow Jones News Srl.
 

accident

Well-known member
Grazie Ivanuzzo!
;)

passaggio fondamentale del Comunicato stampa pag 6

c. Ricorsi alla Suprema Corte di Cassazione ai sensi degli articoli 111 della Costituzione e 360 del Codice di Procedura Civile: i contenuti di tali documenti sono specificati di seguito nell’ambito del paragrafo relativo agli eventi successivi. Alla luce di quanto sopra, gli amministratori della capogruppo hanno opportunamente richiesto e ottenuto le informazioni necessarie a valutare la ragionevolezza del verificarsi di tutte le circostanze di cui sopra che rappresentano delle rilevanti incertezze che possono far sorgere significativi dubbi sulla capacità del Gruppo di continuare ad operare sulla base del presupposto della continuità aziendale, ritenendo appropriato l’utilizzo del presupposto della continuità aziendale nella redazione del presente Relazione Finanziaria Semestrale .

In data 14 e 15 settembre 2020 sono stati notificati alla Società due distinti ricorsi per cassazione ai sensi dell’art. 111 della Costituzione e dell’art. 360 c.p.c. da parte di alcuni titolari di obbligazioni parte dei prestiti obbligazionari emessi dalla Società stessa, con i quali essi hanno chiesto che la Corte di Cassazione voglia cassare, con o senza rinvio, il decreto del Tribunale di Roma con il quale è stato omologato il concordato e disporne l’annullamento. La Società ritiene, anche sulla scorta delle considerazioni preliminari espresse dai propri legali, che i predetti ricorsi siano inammissibili ed infondati. Sono comunque in corso ulteriori approfondimenti. Astaldi sottolinea, inoltre, che la avvenuta proposizione dei ricorsi non produce effetti sull’esecuzione del concordato, poiché il decreto di omologazione del concordato è provvisoriamente esecutivo ai sensi dell’articolo 180, quinto comma, della Legge Fallimentare e le eventuali impugnazioni non hanno effetto sospensivo, né esimono la società proponente dal dare tempestiva esecuzione agli impegni nei confronti dei creditori.
Si fa presente, infine, che gli obblighi assunti dall’investitore industriale Webuild S.p.a. (già Salini Impregilo S.p.a.) nell’offerta irrevocabile posta a sostegno del piano concordatario di Astaldi S.p.a. erano sospensivamente condizionati, tra l’altro, all’omologazione definitiva del concordato, condizione verificatasi, secondo quanto previsto dall’offerta irrevocabile medesima, con l’omologa del concordato senza opposizioni da parte del Tribunale di Roma. Pertanto, i suddetti ricorsi non impattano su tale condizione.
 

Allegati

  • 2020_09_16_astaldi_comunicato_h12020.pdf
    314,7 KB · Visite: 15

justfinance

Member
“che i predetti ricorsi siano inammissibili ed infondati. Sono comunque in corso ulteriori approfondimenti”

approfondite e cambiate l’idea sul ricorso ... parla di ricorsi 2 o per ciascuno?
 
Alto