Per informazioni sulla pubblicità su questo sito web: advertising@quellicheinvestono.com

Bond Webuild (ex Salini), Euro, tasso fisso scadenze 2021-3.75% XS1435297202; 2024-1.75% XS1707063589; 2027-3.625% XS2102392276

Kellerzabel

Well-known member
28/09/2020 10:16 MF-DJ

MILANO (MF-DJ)--Mediobanca Securities conferma rating neutral e tp di 1,4 euro per azione su Webuild dopo che nell''ambito dei vari giudizi in corso per il complesso contenzioso seguito alla costruzione ed alla consegna del nuovo canale di Panama, e'' stato emesso un lodo arbitrale dall''International Chamber of Commerce-Icc, parzialmente favorevole al consorzio dei costruttori, Grupo Unidos por el Canal (Gupc) e ai suoi soci europei, tra i quali figura Impregilo. Secondo gli esperti di Mediobanca Securities - rating neutral e tp di 1,4 euro per azione - l''impatto del contenzioso sembra marginale, ma l''arbitrato in corso rimane una fonte di volatilita'' per il titolo. Webuild -6,9% a 0,9785 euro.
 

Tony

Well-known member
Sempre fermo il bond 2024, resta fra i pochi monitorati a non aver fatto un top rialzista dopo quello dell'8 giugno scorso.

Bollinger band yield ai minimi termini, solo 0,8 figure fra la superiore e l'inferiore. Un movimento deciso che imprima direzionalità diventa sempre più probabile. Possibile che dipenda dalla soluzione della vicenda "concordato Astaldi": se e come si definirà, con quali costi per il gruppo.

Vedi l'allegato 6369
Poco tempo per seguire in queste settimane, un riepilogo di quanto successo.

In sostanza il bond 2024 ha marcato un trend discendente con bottom fatti in divergenza rialzista di momentum Rsi 14, (22-24-25-26 settembre, l'ultimo dei quali con chiusura sopra bollinger inferiore daily). Ossia bottom l'uno inferiore all'altro, ma con Rsi che risulta invece in crescita.

E' una condizione che ha innescato un rimbalzo di 2-2,5 figure fino al top di venerdì, a smaltimento dei livelli di ipervenduto (Rsi 14 al 22 settembre = 13,16), con Rsi 14 tornato ora su livelli di neutralità.

Il trend, almeno per ora, resta discendente fino al recupero almeno di quota 89 in chiusura daily, ciò che segnerebbe un passaggio del trend a laterale. Una condizione per ora non verificatasi.

1602491710459.png
 

Tony

Well-known member
Eccolo qua il press release di S&P con i criteri in base ai quali deciderà se tenere fermo o ridurre il rating di Webuild

Vedi l'allegato 6446

I problemi sono la performance operativa e soprattutto il working capital nonché i livelli di liquidità. In sostanza Salini potrà essere tenuta nel rating attuale, oltre che in virtù dell'acquisizione-regalo di Astaldi, grazie all'incremento delle anticipazioni sui contratti sulle grandi opere in Italia fino ad un importo del 30% del valore dell'appalto.

Sempre che tutto questo si riveli bastevole a fronteggiare eventuali situazioni problematiche che emergano altrove sul capitolo riscossione di quanto dovuto dai committenti, situazioni che andrebbero ad impattare su working capital, indebitamento e livelli di liquidità.

In pratica, nella migliore delle ipotesi, le anticipazioni da parte dello stato italiano avrebbero un ruolo fondamentale nella emersione di un FOCF e nella metrica finanziaria in termini di rapporto fra flussi di cassa e debito, risultando in una migliorata sostenibilità dello stesso.
Sul piano della disamina della situazione di Webuild, vi sottopongo un importante press release di Fitch che pure ha per ora confermato il rating e l'outlook dell'emittente sulla scorta dei risultati semestrali. L'avevo letto, ma non avevo avuto tempo di postarlo e commentarlo.

Importante perché Fitch si sofferma su alcuni punti cruciali. Ad esempio la capacità di generare FCF che per Fitch sarà neutrale nel 2020 (ossia Webuild non genererà cassa disponibile per il deleverage o altro, ma almeno non ne brucerà) in virtù della normativa nazionale che incrementa le anticipazioni sulle grandi opere.

La normativa dunque senz'altro aiuta, ma solo nel senso di impedire a Webuild di bruciare cassa, aggravando così i ben noti problemi sul fronte liquidità, indebitamento di breve, working capital ecc. Ossia serve a tenere a galla la barca, non a risolvere situazioni.

Fitch estende il proprio raggio di valutazione al biennio 2021-2022, ritenendo che la FCF (nonostante la normativa nazionale di cui sopra ed eventuali altre analoghe adottate altrove) non andrà a migliorare. Webuild è prevista migliorare la propria generazione di cassa, ma questo miglioramento per Fitch sarà in larga misura assorbito dal consumo di cassa richiesto dal molto consistente backlog.

Ovvero, la cassa aggiuntiva generata sarà consumata dall'accrescimento del working capital e del capex occorrente a Webuild per poter aprire ed operare i cantieri sui progetti che ha vinto.

1602493450519.png

La cassa in più generata non potrà dunque, secondo Fitch almeno nel biennio a venire, essere adoperata a riduzione del leverage e lascerà esposta Webuild agli incerti legati alle riscossioni del dovuto, specie sui mercati emergenti che ancora la vedono impegnata nella ultimazione di progetti presi in carico anni fa, prima della conversione alla politica di riduzione del rischio di insoluti/contenziosi sulle riscossioni/pagamenti tardivi avviata 2-3 anni fa.

C'è molto altro nel press release per i detentori dei bond, lettura consigliata

 
Ultima modifica:

Tony

Well-known member
Personalmente ero a dir poco scettico sul recupero di quota 89 per il bond 2024, le cose sono andate diversamente ed il bond la ha riguadagnata oggi. Deve tenerla al close e consolidarla in 1-2 sedute a venire affinché il trend passi da discendente a laterale.

Va comunque tenuto d'occhio, restando fra i non molti titoli fra quelli monitorati a non aver aggiornato un massimo di rimbalzo dai primi di giugno scorso. Non è un segnale di forza, sebbene non sia neanche un segnale di rischio grave nel breve/medio periodo.
 
Ultima modifica:
Alto